La Costituzione è Legge fondamentale dello Stato italiano (art. XVIII disp. trans. e finali)

La Democrazia è Sovranità che appartiene al Popolo (art. 1 Cost.)... che la esercita nelle forme stabilite dalla stessa.

Tali forme comprendono la Democrazia Rappresentativa (art. 55 Cost.) esercitata dai cittadini eletti; e la Democrazia Diretta (artt. 50, 56, 58, 71, 75, 102 e 138) esercitata dai cittadini NON eletti.

Senza entrambe queste due forme non ci sarà mai nessuna Democrazia ma soltanto una Oligarchia.

15 feb 2011

Ogni popolo ha i governi che merita (inutile piangere)

Ormai il piagnisteo di tantissimi italiani, contornato da inutili manifestazioni di piazza con lo sventolar bandiere di partito, che oltre a qualche ora di sfogo in compagnia di persone politcamente schierate dalla stessa parte non producono, sta andando oltre i limiti della ragione e del buon senso.
Sembra non si voglia capire e soprattutto affrontare il reale problema che ha ridotto l'Italia allo stato pietoso in cui si trova... chissà cosa ci riserverà il futuro, di questo passo.
Inutile lamentarsi della mancanza di giustizia, di leggi ingiuste e di governanti ingiusti se il popolo non vuole capire cosa è in realtà la Democrazia e come può esercitare DAVVERO la sovranità che, SULLA CARTA gli appartiene.
Le leggi che la Casta (destra, centro e sinistra - di comunissimo accordo) vuole introdurre le introduce senza alcun problema... è questione di tempo... facendo in modo che il popolo le digerisca più facilmente a piccoli bocconi per non scatenare la sua ira.
Il modo migliore è far credere che le brutte leggi vengano dai cattivi della politica, ovvero far credere che ci sono dei buoni e dei cattivi nella politica. Devono solo, buoni e cattivi, mettersi d'accordo quando alternarsi la maggioranza, ovvero vincere le elezioni, e il gioco è fatto.
Quando occorre fare alcune leggi vanno al potere i cattivi perché i buoni in minoranza non possono contrastarle e quando governano i buoni le leggi brutte rimangono (mica si possono fare e disfare leggi ogni 5 anni... facciamo già pena per l'enorme quantità di leggi che abbiamo in italia).
Quando invece non si deve fare nessuna legge o non si devono/possono affrontare i problemi più gravi, perché nessuno saprebbe come affrontarli, e tanto meno risolverli, basta far saltare il governo o, peggio, andare a nuove elezioni.
Il giochetto è semplicissimo, quando a comandare sono pochi.

Sta diventando nauseante la protesta di ALCUNI che chiederebbero le dimissioni dell'attuale Premier con manifestazioni di piazza

Questi ALCUNI sembra che non si facciano neanche lontanamente solleticare dall'idea che per togliere un incomodo prima del termine previsto il POPOLO dovrebbe possedere lo strumento del Referendum Revocativo, che non abbiamo ancora in Italia (e col popolo che abbiamo allo stato attuale mai avremo).
Molti si lamentano anche delle pessime leggi introdotte da alcuni e anche questi MOLTI non si fanno lontanamente solleticare dall'idea che per impedire l'entata in vigore di brutte leggi il POPOLO dovrebbe possedere lo strumento del Referendum Confermativo per le leggi ordinarie, che non abbiamo ancora in Italia ( e col popolo che abbiamo allo stato attuale mai avremo).

Non volete la Democrazia Diretta? Rinunciate alla sovranità? Allora piangete e protestate! (il problema è che devono piangere anche coloro che hanno capito la differenza fra Democrazia Rappresentativa e Democrazia VERA)

Aspettiamo quindi, come sempre, che facciano PRIMA le leggi e poi speriamo in qualche santo che le sottoponga alla Corte Costituzionale (se illegittime) o indica Referendum abrogativo (quello ce l'abbiamo ma se ne sono impossessati i partiti trasformandolo da strumento di democrazia diretta in strumento plebiscitario con una legge attuativa piena di trappole e mancante di un fattore fondamentale - le condizioni per la reintroduzione di leggi abrogate dal popolo col referendum, che allo stato attuale avviene a loro discrezione e senza consultare il popolo che le ha abrogate).

15 febbraio 2011
Bruno Aprile - tel. 3472954867 - Locate Varesino (CO) - CCDD Comiatto Cittadino Democrazia Diretta

Nessun commento:

Posta un commento

Segui via Email

Domanda di adesione

Per iscriversi al CCDD: scaricare il modulo di adesione, stamparlo, compilarlo e inviarlo via e-mail nella modalità indicata nel modulo stesso.